Salta al contenuto principale
x
Bandiera Yoshin Ryu

La bandiera della Scuola

E’ in ogni sede della Yoshin Ryu, appoggiata ad uno dei lati del Dojo: è la Bandiera della Scuola.

Essa rappresenta l'unità della Scuola: è un vessillo di guerra del tipo nobori, verticale, particolarmente adatto a esser identificato e seguito dagli eserciti sui campi di battaglia. Il colore del drappo - il rosso carminio - è in grado di stimolare velocemente l'occhio umano, forse perchè atavicamente associato al colore del sangue. E il sangue stesso è un elemento simbolico: l'intima essenza, l'impermanenza, la morte...

Nella parte superiore del drappo sono rappresentati i quattro rombi del clan Takeda (Takedabishi): quattro rombi che ne compongono un quinto: 4 rombi, 5 rombi, 9 rombi.

  • Il numero quattro (shi) indica le quattro stagioni, la ciclicità del tempo, le quattro bestie della tradizione cosmologica; ma un kanji omòfono (dalla stessa pronuncia) indica invece la morte, motivo per cui è considerato un numero infausto.
  • il numero cinque rappresenta i cinque elementi e le cinque relazioni del taoismo cinese, i cinque animali che nel tempio cinese di Shaolin rappresentavano i cinque stili dell'arte marziale, le cinque dita della mano.
  • il numero nove (ku), la somma di 4 e 5, è un altro numero importante nella tradizione esoterica d'Oriente: altro numero infausto, poichè un kanji omòfono indica la tortura, l'agonìa; ma rappresenta anche i nove mondi del buddhismo, ossia i nove piani di esistenza in cui un'anima si può reincarnare; le nove sillabe che si tramutano nei nove intrecci delle mani del Kuji.

Gli anelli con i quali il drappo si collega all'asta in bambù sono nuovamente nove nella parte verticale e quattro in quella orizzontale.

All’interno dello stemma araldico dei Takeda osserviamo i kanji di Yo-shin-Ryu all'interno di quattro cerchi bianchi e il disegno-stemma della Scuola con il giovane Maestro circondato e protetto/minacciato dal Drago e dalla Tigre, che rappresentano lo Yin e lo Yang (i concetti di bianco/nero, luce/buio, mascolino/femminino, sole/luna, positivo/negativo, ecc.) quindi un ulteriore, forte riferimento al Taoismo.

Corsi di riferimento

JUTAIJUTSU Bambini

3/6 e 6/14 anni

Renshū

Lezioni tematiche: le armi del Jūtaijutsu

Yaiba Waza

Corso tematico: tecniche di lama

Difesa Femminile

Corsi tenuti dalle donne per le donne

JUTAIJUTSU Adulti

Arte Marziale Tradizionale